La rivincita delle mogli di Anna-Lou Weatherley

Bestseller in Inghilterra, è una sorta di Desperate Housewifes ambientato a Chelsea.

AnnaLou Weatherley con La rivincita delle mogli consegna un romanzo vivace dal sottotesto spassoso:

mai sottovalutare l’ira di una donna.


«Un vivace romanzo che mescola ironia e atmosfere glamour:

una vera perla.»

 

La-rivincita-delle-mogli-di-AnnaLou-Weatherley_avorigh.jpgBorse e scarpe griffate, gioielli, vacanze esotiche, interventi estetici, carte di credito: Imogen, Calgary e Yasmin, tre amiche che abitano nell’esclusivo quartiere londinese di Chelsea, sembrano condurre un’esistenza perfetta.


Ma la vita, anche nei quartieri alti, non è soltanto fatta di bottiglie di champagne, di feste e cocktail a bordo piscina.


Imogen, bellissima ex modella, ha sposato un uomo manipolatore e autoritario; Calgary, che un tempo dirigeva riviste femminili glamour, ha rinunciato alle sue ambizioni per amore e ora è costretta a chiudere più di un occhio sulle scappatelle del marito, mentre l’esuberante Yasmin ha sposato un ricco e informe matusalemme per tentare di scoprire la verità su un segreto che la tormenta da anni…


Tra pranzi annaffiati di champagne e sessioni di shopping sfrenato, le tre donne si rendono conto ben presto che ci sono cose che il denaro non può comprare né risarcire e decidono che è ora di unire le forze per vendicarsi dei loro dispotici uomini.


L’audace piano travolgerà la loro vita portando alla luce scandali e bugie, ma Imogen, Calgary e Yasmin sono pronte ad andare fino in fondo e a rischiare tutto pur di riprendere in mano il loro destino.

 

 

Anna-Lou Weatherley
è nata a Southampton ed è cresciuta a Londra, dove vive tuttora. Giornalista, ha diretto riviste per ragazzi e ha collaborato con «Glamour», «Marie Claire», «Grazia» e «New Woman». La rivincita delle mogli è stato un bestseller in Inghilterra.



Richiedi il libro

Inviaci la tua recensione

 

La rivincita delle mogli di Anna-Lou Weatherleyultima modifica: 2012-12-24T12:11:58+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento